Food Writing, corso di scrittura creativa

» Posted by on Gen 28, 2019 in Comunicati Stampa, Enogastronomia, Homepage Hilights | 0 comments

Food Writing, corso di scrittura creativa

Impariamo a raccontare il cibo con i 5 sensi. Un’occasione assolutamente unica e preziosa per chiunque sogni di creare racconti di cibo o accattivanti recensioni di ristoranti ed è alla ricerca di una guida che lo accompagni nel proprio percorso di apprendimento e lo aiuti ad acquisire la terminologia adeguata e uno stile efficace e leggibile.

Un corso per imparare a scrivere di cibo, un modo per descrivere un territorio e  raccontarlo attraverso il cibo. A cura di Chicchibio di Daniela Corrente, un progetto nato in Emilia Romagna per valorizzare l’enogastronomia e la biodiversità italiana attraverso corsi di cucina, festival, presentazioni di libri e corsi e che ora approda in Puglia.

Parlare di cibo italiano  significa  soprattutto  raccontare il sud italia . Non si può infatti prescindere  dalle ricchezze e dall’ abbondanza di prodotti del nostro meridione per esaltare il prodotto Italia ed è in questo contesto che si colloca  questo corso di food writing: per esaltare il territorio di Gargano e Daunia e le sue eccellenze. Un territorio ricco di biodiversità e di eccellenze enogastronomiche, con tanti chef emergenti, panettieri e pasticcieri, vignaioli e birrai, agriturismi, caseifici, un paesaggio che alterna oasi di agrumi, distese di ulivi a foreste di faggi Patrimonio Unesco … un territorio di eventi  e di fiere che esaltano il pesce di lago e quello di mare, l’arte della caccia, il tempo della raccolta delle olive e quella dei funghi, tempi scanditi dalle stagioni e dall’abbondanza di prodotti, di paesaggio, di tradizioni, passando dal Parco del Gargano al tavoliere fin sù  ai monti Dauni,  … un’ immenso patrimonio che tanti  invidiano e pochi conoscono, ma soprattutto pochi sono coloro capaci di raccontarlo

Food writing è un  corso di scrittura creativa,che si articolerà in tre giorni di  full immersion dal 1 al 3 marzo, dalle ore 10 alle 17 a Manfredonia negli spazi del Coworking Smart Lab.

Perché si scrive?

Lo scrittore R. Carver sapientemente rispondeva:

“Si scrive perché si ha qualcosa da dire”

Questo primo appuntamento della scuola di scrittura Chicchibio avrà come docente Stefani Barzini, una scrittrice che insegna scrittura creativa applicata al cibo in vari master di giornalismo enogastronomico ( Gambero Rosso, Università di Siena, master di cultura enogastronomica italiana agli studenti dell’Illinois University in Erasmus in Italia, Scuola di Cucina Cuochipercaso). Ha tenuto corsi di cucina regionale italiana a Los Angeles per sei anni e, per l’Istituto Italiano di Cultura ha organizzato eventi e manifestazioni di promulgazione di libri e film italiani raccontati attraverso il cibo. Tornata in Italia ha fondato la scuola di cucina al Castello di Ceri vicino Roma, e infine ha iniziato una proficua collaborazione con Gambero Rosso, sia per il canale televisivo che per il rivista. Per Gambero Rosso Channel ha scritto, prodotto e diretto vari documentari sempre rivolti agli Stati Uniti con particolare attenzione ai temi italo-americani. Ha scritto numerosi libri di cucina l’ultimo dei quali nel 2018 è  “Nonna on the road”. Nel 2018 gli viene assegnato il premio Marietta ad honorem dalla Fondazione Pellegrino Artusi. E’ proprietaria della scuola di cucina Folle casseruola che è anche il nome del suo seguitissimo blog. Attualmente si occupa della riedizione critica degli 8 volumi di ricette di cucina della cuoca Petronilla, per Giudo Tommasi Editore.

Food Writing rappresenta un vero e proprio laboratorio di scrittura creativa, dove lo scrittore emergente può far pratica, confrontandosi con altri studenti e con il docente, una scorciatoia per migliorare il proprio stile di scrittura e affinare le tecniche narrative ed è dedicato a tutti coloro che amano il cibo e la scrittura e vogliono offrire un valore aggiunto alla propria professionalità imparando la non semplice arte di descrivere e parlare di ciò che mangiamo.

Il corso è  rivolge a chi :

-organizza eventi enogastronomici,

– cura la comunicazione di un’azienda del comparto,

– utilizza la comunicazione per promuovere un’attività o una marca,

– desidera imparare a scrivere  di cibo,

– promuove la propria attività attraverso lo story telling,

– vuole aprire un blog di cucina…

Durante il corso verranno fornite nozioni teoriche così come consigli pratici per imparare a descrivere il cibo in modo competente e creativo, analizzando tutti gli ambiti principali del Food Writing:  dal riuscire ad attirare l’attenzione di un editore, fino alle strategie che sono alla base di un piano di comunicazione integrata on line off line, come misurare l’efficacia della propria comunicazione..

Lo scrittore creativo evoca immagini, odori, sapori, pensieri, parole, stimola i sensi del lettore, cerca di coinvolgerlo nella storia e soprattutto cerca di riuscire nell’arduo compito di tenere alta la sospensione della sua incredulità fino alla fine della storia stessa.

Chi scrive un’opera narrativa deve avere quindi il potere di creare ex novo intere realtà, stati d’animo, sentimenti, quasi come fosse un mago. Le sue parole saranno in grado di evocare immagini mentali e fare incursione nella fantasia di chi legge.

Ma cos’è la scrittura creativa?

Lo scrittore creativo, a differenza del bottegaio, oltre a preoccuparsi di apprendere le tecniche narrative per meglio svolgere il suo lavoro, deve possedere quel quid in più, quell’ elemento imponderabile che potremmo chiamare genio talento necessario affinché il suo manoscritto possa essere considerato un’opera letteraria

Il Programma:

Insegneremo quindi a scrivere di food, partendo da cosa vuol dire scrivere di cibo, dalle caratteristiche della scrittura di cibo, da come iniziare.
Il secondo giorno la lezione vertera’ sulla scrittura giornalistica. Scrivere per giornali e riviste.
Infine ci concentreremo sulla scrittura nel libro di cucina. La scrittura delle ricette.

Alterneremo le lezioni orali con quelle di scrittura e nella pausa pranzo impareremo a degustare i prodotti del territorio grazie al contributo dell’associazione foggiana Only Food  che dal 2015 opera sul territorio per la conoscenza e la promozione delle eccellenze eno-gastronomiche locali, attraverso tavoli di degustazione e assaggio dei prodotti delle aziende associate.

Il menu proposto per il corso sarà diverso per le diverse giornate di formazione e toccherà le 3 aree geografiche della Provincia foggiana: Gargano con menu di mare, Tavoliere con menu di terra e Monti Dauni con menu di montagna.

I giorno – Aperitivo garganico

Entrèe freddo di mare

Pizza al pomodorino “sanmarchese”

Caciocavallo podolico

Birra Madeline agli agrumi del Gargano Rebeers

II giorno – Aperitivo contadino

Bruschetta al datterino e olio basilico

Tarallini e olive cerignolane

Panini alla zucca con capocollo, stracciatella, insalata e olio biologico

Orzo perlato alle verdure

Vino Ciliegiolo Casa Primis di Stornarella

III giorno – Aperitivo del Transumante

Pancotto di verdurefogliammiscke”

Salumi misti di Faeto

Formaggi stagionati speziati

Vino rosato Il Melograno de la Cantina la Marchesa di Lucera

Scrivere è una conoscenza alchemica: la trasformazione di un’idea in una storia da raccontare

Come la bellezza è negli occhi di chi guarda, la narrativa è presente nello sguardo di chi percepisce la realtà in modo non passivo, originale, e la vuole rielaborare secondo la propria sensibilità. Cosa mi comunica la tal cosa? Un profumo, un sapore, l’accento del panettiere, lo sguardo di un pescatore?
Se vi state domandando se frequentare un corso di scrittura creativa possa servire o meno, si potrebbe rispondere in mille modi diversi.  Di certo frequentare una classe, in aula può servire a farvi superare il blocco dello scrittore, a farvi sviluppare un senso critico ed estetico, ad allenare la fantasia, ritrovare l’ispirazione, ricevere feedback dagli altri studenti o dal tutor, ma soprattutto riflettere sulle tecniche di scrittura.

Certo talento e creatività sono indispensabili, ma vi basti pensare che scrittori come Jack Kerouac, Francis Scott Fitzgerald, Ernest Hemingway, Raymond Carver, Oates, Kazuo Ishiguro, Ian McEwan  e tanti altri sono usciti da una scuola di creative writing.

 Il corso è a numero chius. Si  partecipa previa prenotazione e versando il 50% dell’importo. Il costo del corso è di 350.00 euro.

Per chi venisse da fuori provincia abbiamo convenzioni con alberghi e beb.

Per info e preno chicchibio.eventi@gmail.com, vi aspettiamo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *